Bistrot Zì Rosa, un angolo di tranquillità nel vesuviano

Zì Rosa: da bar a bistrot

Per ampliare la rubrica “A due passi da casa mia“, che non esiste ma che dovrei inventare, oggi vi parlo di Zì Rosa, un piccolo bistrot nel vesuviano.

Tra Pomigliano e Sant’Anastasia, Zì Rosa nasce come bar. Ed effettivamente tutto fa ricordare il passato di questo posto: dal bancone, alle macchine da caffè, alla lunga lista di caffè disponibili. Per arrivare, poi, al design shabby, con molti arredi anche vintage, perfetti per una caffetteria o una sala da the.

Negli anni, tuttavia, soprattutto grazie al passaggio da Rosa al figlio Lello, Zì Rosa si è trasformato nel bistrot di oggi, la cui cucina ricercata e sofisticata non passa certo inosservata.

Lello ha saputo riconoscere non solo le potenzialità di questo posto, ma anche e soprattutto la versatilità che ora lo caratterizza. Il bistrot, infatti, è il luogo perfetto per una buona colazione. Come vi ho anticipato, oltre al classico espresso napoletano, Zì Rosa vanta tantissimi caffè, molti dei quali noti forse solo ai cultori di questa bevanda. E vanta, anche, la capacità di anticipare, in questo settore specifico, vere e proprie mode.

Accanto ai caffè, però, c’è tutto un mondo che, come sapete, amo: i dolci. Una scelta enorme, veramente per tutti i gusti e tutti buonissimi, ma ve ne parlo tra poco, tranquilli!

 

Oltre la colazione: cosa trovo oggi?

Oltre la colazione, ovviamente la parte forte del progetto Zì Rosa è la cucina. Si tratta di una cucina che combina i sapori tipici della tradizione con una certa ricercatezza e rielaborazione. Valeria Marfelli, la chef che si occupa di tutte le portate, dagli antipasti ai dolci, ci tiene a sottolinearlo.

Ciò che si nota, subito, è l’assenza di un menù cartaceo. Questo perchè i piatti proposti cambiano, sostanzialmente, a periodi. Lello si sveglia alle cinque ogni mattina e fa il giro dei fornitori, per scegliere i prodotti da portare in tavola. Prodotti selezionati, di aziende anch’esse nel vesuviano. Eccellenze campane, insomma.

I piatti del giorno sono scritti su un’enorme lavagna di fronte al bancone. Quelli miopi come me, che non portano gli occhiali in pubblico, possono affidarsi ai consigli dello staff.

 

Alici, burrata e zucchine

 

Risotto zucchine e gamberi, con pepe rosa

 

Scialatielli con melanzane e fior di latte

 

Polpetta al sugo, con parmigiana di melanzane e parmigiana di patate

 

Involtino di pollo ripieno di verdure su acqua di insalata al limone

 

A questo punto, in cucina è giunta voce che io adoro il pistacchio e Valeria mi ha omaggiato di farro, pesto di pistacchi di sua produzione e burrata.

 

E, sulla scia della mia passione per il pistacchio, unita alla mia passione per i dolci, vi lascio le foto delle prelibatezze che ho solo assaggiato, lo giuro.

 

Dessert

Crema al mascarpone, su salsa di albicocche e mandorle.

Tiramisù, ricetta tradizionale. Ci teniamo!

Sbriciolata alle mele e sbriciolata al pistacchio (qui la nostra ricetta).

Crema al mascarpone con crema di pistacchio e croccante di sbriciolata.

Cheesecake al pistacchio.

 

Insomma, tutto perfetto per concludere una cena buonissima. E per restare leggeri! Naturalmente ci ritornerò. L’ambiente è tranquillo, la clientela fidelizzata si sente a casa. Chi, come me, ci viene per la prima volta, anche. Ed è una bella sensazione.

 

Zì Rosa: facebook

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *