Ricetta Verde: idee irresistibili con le zucchine

Amici, è tempo di zucchine. Di ricette con questa meraviglia della natura ne ho davvero tante, ma ho scelto quelle che preferisco per voi. Una è tradizione della mia famiglia, il piatto che fa ancora oggi impazzire tutti, mentre l’altro è un classico della cucina partenopea. Insomma, da queste parti è tempo di primi, tempo di colori, tempo di sapore d’estate. Quindi, beccatevi in tutta la mia generosità due ricette al prezzo di una lettura!

Penne rigate con carbonara di zucchine

Ok, diamole questo nome. A casa mia è il piatto a cui in automatico ci si riferisce parlando di “pasta e zucchine”, un mio collega ama chiamarla “zucchine, cas e ov“, io la definirei una carbonara di zucchine. Prendete 6-7 zucchine di grandezza media, tagliate via il fiore – sapete già cosa farci, vero? Metteremo in pastella il discorso a tempo debito! -. Lavatele bene, asciugatele (se non volete scoprire cosa succede quando si incontrano acqua e olio bollente) e tagliatele a rondelle. Nel frattempo, mettete a riscaldare olio in abbondanza e quando sarà pronto, cominciatele a friggere senza riempire in maniera eccessiva la padella.

Mi raccomando di scolarle: almeno per me non c’è niente di meglio di un fritto bello asciutto. Mentre mettete a bollire l’acqua con una bella manciata di sale grosso, passate al reparto uova. Per quattro persone, credo ne bastino tre, ma ovviamente questa non è una ricetta di pasticceria, quindi è davvero tutto molto relativo, anche se vi consiglio di non esagerare. Aggiungete sale, pepe e formaggio in quantità a voi gradita e, armati di forchetta, mettete in pratica la tecnica che vostra nonna vi ha insegnato in tante domeniche passate a scofanarvi a casa sua. Una volta in ebollizione l’acqua, scegliete una pasta corta e rigata e calatene in abbondanza: vi chiederanno il bis. Mi auguro che voi siate persone coscienziose e amiate la pasta al dente, per cui, poco prima di quanto indicato dalla confezione, scolate e passate nella padella in cui avrete rimesso le zucchine pronte che v’aspettano. Infine le uova: mantecate fino a farle rapprendere e aggiungete tanto, tanto parmigiano grattugiato (su questo non mi potete fare i timidi). Servite ancora fumanti, ma prendetevi il tempo per fotografare il capolavoro.

Spaghetti alla Nerano

Su questo piatto è davvero impossibile trovare un punto comune tra tutte le ricette che potete consultare online. Quindi mi limito semplicemente a riportarvi il mio modo di farlo, come sempre nella maniera più semplice possibile.

Gli ingredienti sono sempre sulla base di un tavolo da quattro persone e non varierei la quantità di zucchine. Anche stavolta, 6-7 medie, tagliate a rondelle sottili, fritte in olio abbondante e asciugate su carta assorbente. Mentre mettete su l’acqua a bollire, in padella fate imbiondire un paio di spicchi d’aglio piccoli in quattro cucchiai d’olio extravergine d’oliva. Una volta svolto questo passaggio, versate le zucchine fritte precedente nella padella e, al punto di bollitura dell’acqua, nel frattempo, calate spaghetti o vermicelli. Scolata la pasta al dente, aggiungete anche questa alla padella con le zucchine e cominciate a mantecare, aggiungendo circa 200 gr di Provolone del Monaco grattugiato. Un’ottima alternativa è dividere la quantità di formaggio tra il Provolone e il parmigiano, ma anche questo va a vostra discrezione. Impiattate aggiungendo una spruzzata di pepe, ficcate la testa nel piatto e alzatela solo quando sarà pulito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *